A Nutturna | Monovitigno

A Nutturna

Bianco IGT Sicilia nasce da un uvaggio di carricante, vitigno tradizionale della nostra terra e del Sud Italia ed di Gewürz Traminer, vitigno aromatico tradizionalmente coltivato in Alsazia e in Alto Adige, ma che grazie al clima di montagna che caratterizza l’Etna si è adattato anche ai terreni vulcanici.
Le nostre uve sono prodotte nei nostri vigneti coltivati sull’Etna ad una quota fra i 620 ed i 1.100 Metri s.l.m.
Lo scenario è suggestivo, il vulcano, con le sue bocche effusive relativamente vicine, fa sentire di giorno la sua voce, mentre di notte si intravedono bagliori di luce.
La densità d’impianto è di 8900 ceppi per Ettaro e la forma di allevamento è un alberello adagiato a spalliera con una potatura a doppio cordone speronato con tre e quattro speroni per ceppo. Il tutto per facilitare le operazioni colturali del tutto manuali.
La terra è grigia, vulcanica, ricca di minerali, fine e soffice.
La vegetazione circostante è rigogliosa e “selvaggia”. Solo la pazzia dell’uomo, la passione ed il rispetto del territorio, ha portato la vite così in alto e il premio e stato grande: “un vino” unico nel pieno rispetto del terroir.
La raccolta avviene manualmente a metà ottobre e le uva sane vengono posta in pressa e dopo aver raccolto il mosto si lascia decantare per 48 ore.
Il mosto purificato dalle sostanze più grossolane viene fatto fermentare in serbatoi di acciaio con temperature di 14-16 °C per circa una settimana, dopo di ché parte del mosto, incontra la dolcezza del legno di piccole botti di rovere e la parte rimanente, termina la sua fermentazione per un’altra settimana e subito dopo svolge la fermentazione malolattica.
Il vino per circa sei mesi viene affinato a contatto con le fecce fini per poter esprimere il meglio di sé.
Il vino si presenta di colore oro intenso e brillante, di buona consistenza. All’olfatto colpisce la complessità aromatica con aromi di floreali, frutta sciroppata di ananas e albicocca, la nota minerale tipica dei vini figli del vulcano e infine note di vaniglia, miele e cocco legati all’affinamento in legno.
In bocca si presenta fresco e ampio, dotato di una buona sapidità.
Temperatura di servizio 11° C.
Abbinamenti: formaggi stagionati, carni bianche, crostacei.

Categoria:

Scheda Prodotto

Scarica scheda

Classificazione: Vino Bianco
Vitigno: Nerello Mascalese 100%
Superficie vitata: 2 ettari
Comune di produzione: Randazzo (CT)
Contrada: Calderara/Feudo S. Anastasia
Densità delle vigne: 6.000 ceppi per ettaro
Altitudine: 620 metri s.l.m.
Tipo di suolo: Vulcanico ricco di minerali e di scheletro
Età delle vigne: 10 anni
Sistema di allevamento: doppio cordone speronato
Resa media: 75 Quintali per ettaro
Fertilizzazione: organica
Fermentazione: in bianco per 12/14 giorni a 14-18 gradi
Processo di produzione: uve intere caricate in pressa e solo il mosto fiore viene destinato alla produzione di questo vino
Affinamento: 6 mesi su fecce nobili in acciaio, 6 mesi in bottiglia
Produzione: 4.000 Bottiglie
Prima annata: 2017
Gradazione alcolica: 12 – 13,5 % vol.
Capacità di affinamento in bottiglia: 5-7 anni