Lu veru piaciri

Category: Tag:
Descrizione

Poche cose nella vita ci rinfrancano dalle fatiche del tran-tran quotidiano. Sicuramente sono cose semplici come la vista di un prato fiorito, la chioma rigogliosa di un albero secolare e un buon bicchiere di vino condiviso con gli amici. Ed è proprio questa ricerca della semplicità che ci ha spinto a pensare ad un buon bicchiere di rosso . Un ETNA che si possa bere da solo o possa accompagnare un buon piatto a base di carne. Il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio, sono i vitigni che danno vita alla Denominazione di Origine Controllata ETNA Rosso. Il vigneto è situato nella parte nord del vulcano ad una altitudine di 620 metri slm. Il terreno è vulcanico ricco di minerali e con molta struttura. Il vigneto da cui proviene è allevato a controspalliera con una densità d’impianto di 6000 ceppi per Ha. L’uva viene raccolta manualmente in piccole ceste, e giunta in cantina, va pigiata e separata dai raspi. Il pigiato viene raccolto in recipienti di acciaio inox dove avviene la fermentazione in presenza delle vinacce, alla temperatura di 25°C. Dopo 5 giorni si effettua la pressatura delle vinacce e si fa terminare la fermentazione alcolica; segue poi la fermentazione malolattica, affinando sul feccino nobile per tre mesi in botti di rovere. Il vino si presenta rosso rubino intenso e abbastanza consistente. Al naso, percepiamo inizialmente un sentore floreale con sentori di frutti rossi, mandorla, cannella e cacao. In bocca, è morbido e fresco; il tannino tipico del vitigno elegante ed asciutto gli una discreta persistenza. Lo possiamo abbinare con arrosti di carni rosse, timballi di pasta e salumi.