Skip to content

Poesie

Nino Martoglio dipinto da Elio Ruffo | Testi di di Sarah Zappulla Muscarà

Nino Martoglio

Battagliero pubblicista (fondò e diresse a Catania il giornale ebdomadario politico-letterario «D’Artagnan», dal 20 aprile 1889 al 17 aprile 1904), gustoso poeta dialettale (Centona, 1899; 1907), felice regista cinematografico e direttore della «Morgana Films» (Capitan Blanco, Sperduti nel buio, Teresa Raquin), fertile commediografo (Nica, 1903; I civitoti in pretura, 1903; ’U paliu, 1906; San Giovanni Decullatu, 1908; Voculanzìcula, 1909; Riutura, 1911; Capitan Seniu, 1912; L’aria del continente, 1915; ’U riffanti, 1916; L’arte di Giufà, 1916; Scuru, 1917; ’U contra, 1918; Taddarita, 1919; Sua Eccellenza, 1919; Il marchese di Ruvolito, 1920; Annata ricca massaru cuntentu, 1921), vivace organizzatore di convegni di poeti dialettali (a cui parteciparono, fra gli altri, Di Giacomo, Trilussa, Pascarella, Fucini, Russo, Barbarani, Testoni, Selvatico).
Nino Martoglio (Belpasso, 1870 – Roma, 1921) fu anche un appassionato direttore di compagnie teatrali («Compagnia dialettale siciliana»: 1903, 1904, 1907; «Teatro minimo o a sezioni»: 1910; «Compagnia del Teatro Mediterraneo»: 1919) che, se talora furono di breve durata, per ostilità interne ed esterne, raggiunsero prestigiosi risultati.

Micio Tempio

Domenico Tempio
(detto Micio)

Domenico (detto Micio) Tempio visse tra il 1750 e il 1821. Fu un poeta catanese, dotato di grande sensibilità e spessore culturale, ma noto per lo più la sua produzione erotica, che lo rese vittima di critiche e censure per tutto l’Ottocento, salvo essere poi riscoperto alla metà del Novecento. Al di là della produzione più prettamente sensuale, Micio Tempio, mancato ecclesiastico e giurista fallito, nei suoi versi dipinse così icasticamente la sua società, la sua Sicilia, prendendone di mira le storture, le ipocrisie, l’ignoranza dilagante, tanto da essere da alcuni considerato un anticipatore del movimento verista.

Giovanni Meli

Giovanni Meli

Giovanni Meli visse tra il 1740 e il 1815. Eclettico, estroso, docente di chimica presso l’Università di Palermo fino alla sua morte, medico di successo, finto abate, il Meli cominciò a dedicarsi alla poesia a partire dai quindici anni, ma raggiunse il successo proprio con La fata galanti, un poemetto improntato a tematiche filosofico-sociali. La sua poesia risente molto dello stretto contatto col mondo agreste, con una campagna reale e non ideale o stilizzata, nella quale ricercare la pace interiore, la serenità, le gioie dell’amore. Di lui il De Sanctis disse: “Il Meli trovò una vecchia letteratura e trasportandola nel suo dialetto vi spirò la freschezza della gioventù, ne fece il mondo della verità e del sentimento”.

Alfio Antico

Alfio Antico

Alfio Antico

Alfio Antico è nato a Lentini nel 1956. Fino a diciotto anni pastore nel siracusano, è oggi uno dei più celebri percussionisti italiani, possiede circa settanta tamburi, tutti da lui fabbricati e intarsiati. Ha collaborato con le personalità più eminenti della musica e del teatro, tra cui Fabrizio de Andrè, Giorgio Albertazzi, Lucio Dalla, Vinicio Capossela, Edoardo Bennato.

Salvatore Di Pietro

Salvatore Di Pietro

Salvatore Di Pietro

Salvatore Di Pietro, nato a Pachino nel 1906 e scomparso nel 1990, era esperto del dialetto e dei costumi siciliani. Fu lui che, con straordinaria intuizione delle sue qualità poetiche, invito Salvatore Quasimodo a tenere un recital nei locali del circolo Artistico di Catania proprio qualche mese prima che a quest’ultimo venisse conferito il Premio Nobel.   

Guglielmino F

Francesco Guglielmino

Francesco Guglielmino

Nacque l’8 marzo 1872 ad Aci Catena (Catania). Compiuti i primi studi presso il locale liceo ginnasio, si iscrisse alla facoltà di lettere dell’Università di Catania dove si laureò l’8 luglio 1895.

Docente nel Ginnasio Cutelli, si era si era dedicato all’attività di conferenziere su autori antichi e moderni (Virgilio, C. Goldoni, H. Ibsen) presso i circoli Lyceum di Catania e del Dramma antico di Siracusa ma si era fatto conoscere anche come poeta dialettale, con la raccolta Ciuri di strata (Catania 1922, con Prefazione di F. De Roberto).

Vitaliano Brancati, nella prefazione alla 2ª ed accresciuta del libro (Catania 1948), definisce il Guglielmino un poeta romantico della letteratura dialettale. Infatti la sua poesia, sia nei momenti in cui l’io lirico si esprime direttamente, sia quando esso si cela dietro la maschera di personaggi popolari, dà sempre voce a un universale senso di caducità, in cui la malinconia è talvolta mitigata da una grazia quasi madrigalesca. Ma a differenza di quello utilizzato da Nino Martoglio, di cui per altro fu amico, il dialetto del Guglielmino rifugge da toni popolareschi così come, pur mantenendo in sé una naturale eco classica, risulta lontano dalle eleganze letterarie e dal gioco raffinato e colto che caratterizzano il siciliano di Giovanni Meli.

Divenuto ordinario di letteratura greca nel 1936, da allora fino al 1942, data del suo pensionamento, il Guglielmino si dedicò con continuità all’attività didattica, sempre nell’ateneo catanese; anche dopo il suo ritiro ufficiale, a causa della situazione bellica e postbellica che impediva l’espletamento di nuovi concorsi, venne incaricato, come docente fuori ruolo, prima dei corsi di letteratura greca e poi di quelli di storia delle religioni, fino al 1949, anno in cui fu nominato professore onorario nella stessa Università.

Guglielmino morì a Catania il 25 febbraio 1956.

Vino, poesia e teatro

Nino Martoglio

(’ntra la vanedda di S. Caterina, a quattr’uri di notti)

 

– Ciccu, dammi ’ssu la, San Chitarraru

di la Madonna! – Prestu, ca c’è Rosa

c’aspetta ’a ’tturna. – ’I cordi s’allintaru!…

– Brau! E ’a carusa? – Ca si v’arriposa…

– E tannu sperdi a trunzu!… Va, accurdaru?…

– Cu’ fussi ’u capu ’a ’tturna! – Chi c’è cosa?

– Non disprizzannu… me’ cumpari Maru…

a prifirenza di l’amici… – (Posa

 

’ssu minnulinu, Carmelu…) Parrati…

– Avi ’na bona vuci di supranu…

– Mi nni cumpiaciu, e poi? – Siti prigati…

 

– Di chi? – D’accumpagnallu… – E si n’ ’o fanu?…

– Sfasciamu baulli e porti allannati!…

– Scrusciu faciti, allura ddà, ’ntr’ ’o chianu!

 

Dedicata a Cesare Pascarella, “A tistimunianza” , dramma in otto sonetti nella parlata catanese, apparsa per la prima volta nel 1899, per i tipi del Libraio-Editore Cav. Nicolò Gioannotta, in elegante edizione, è corredata da un disegno di Giovanni Martoglio di ascetica, patetica, inquieta fascinazione, dolcissimo vetriolo, dedicato a «Nino fraternamente» e datato 3 dicembre 1898, in una commistione di verismo (la giovane suicida per amore) e simbolismo (l’evanescente rivale vittoriosa).

 

Giovanni Meli

“Vogghiu sapiri, o Fata mia, cui siti?

Qual è lu vostru nomu appropriatu?

Pirchì ’un putennu darivi autra gloria

l’avirò sempri fissu a la memoria.

Idda rispunni: la tua curtisia

mi sforza a palisariti cu’ sugnu;

iu sugnu la tua propria fantasia”

Nino Martoglio

Iu li cugghivi ‘mmenzu li lurdumi,
‘ntra li taverni, ‘ntra lu lupanaru,
unni lu nustru suli è tantu avaru
di luci, nè virtù, nè c’è costumi.

Iu li cugghivi unni paru paru
Lu sangu allimarratu scurri a sciumi,
unni lu scuru è fittu e c’è pri lumi
sulu ocche luci luci picuraru.

E li cugghì di notti, spavintati,
tastiannu comu l’orvi muru muru
e zuppicannu comu li sciancati.

Pricchissu, ed anchi pricchì su’ sicuru
chi a fari lustru nun su’ distinati,
iu li vosi chiamari: «o’ scuru, o’ scuru»

Domenico Tempio

 

“Non cantu l’armi: li lassamu stari

in manu di li vappi e spataccini.

Chi gustu bruttu è chistu di cantari

straggi, sbudiddamenti, ammazatini!

Lu sulu dirlu già mi fa trimari

lu piddizzuni, e s’aprinu li rini.

Fora di mia li truci oggetti e l’iri:

amu la Paci, e cantu lu Piaciri”

Salvatore di Pietro

 

“Metru e rima

sunnu musica di lu cori

 

e ci li misi

 

pp’accurdari  ’sta vuci di l’anima

 

’nta ’sti muddichi di suli”

Alfio Antico

muti sunu ’sti me’ schigghi

 

comu a li ciuma

 

occhiuzzi amati”

Nino Martoglio

(’ntra la taverna d’ ’u zû Turi ’u Nanu)

– Attoccu ju… vintottu ’u zû Pasquali…

Biviti? – Bivu, chi nun su’ patruni?

 

– Tiniti accura… vi po’ fari mali…

 

– Maccu haju a’ casa!… – E ju scorci ’i muluni!…

 

– Patruni fazzu… – A cui? – A Ciccu Sali

 

– Ah!… E sutta? – A Jabicheddu Tartaruni.

 

– (A mia ’mpinniti?… A corpa di pugnali

 

finisci, avanti Diu!…) – ’Stu mmuccuni,

 

si quannu mai, ci ’u damu, a Spatafora?…

 

– Troppu è, livaticcinni un ghiriteddu.

 

– Nni fazzu passu! – A cui?… Nisciti fora!…

 

A mia ’stu sfregiu? – A vui tintu sardaru!…

 

– Largu! – Largu! – Sta’ accura! – ’U to’ cuteddu!…

 

– Ahjai, sant’Aituzza!… M’ammazzaru!

Contattaci